fbpx

BENVENUTO NEL PRIMO SPAZIO VIRTUALE DOVE LA PREPARAZIONE DELLA PIZZA
E LA CRESCITA PERSONALE SI INCONTRANO.

Caro Utente

HO SEMPRE PREFERITO ESSERE UNA PERSONA ODIATA PER LA SUA AUTENTICITÀ CHE ESSERE UNA PERSONA AMATA GRAZIE ALLA SUA IPOCRISIA PER CUI VOGLIO SUBITO DIMOSTRARTI DI ESSERE UNA PERSONA SINCERA CON TE:

SONO ALTAMENTE ALLERGICO ALLE PERSONE CHE PENSANO CHE NELLA VITA SI POSSA OTTENERE UN RISULTATO SENZA NEANCHE UN MINIMO SFORZO. SONO SICURO PERÒ CHE TU NON FAI PARTE DI QUESTA CATEGORIA DI PERSONE PER QUESTO È PER ME UN ONORE AVERTI QUI. IN CASO CONTRARIO RESTA SEMPRE UN ONORE MA NON POTRÒ ESSERI D’AIUTO,

In questo spazio l’unica cosa che conta sei TU ma senza un atteggiamento collaborativo aiutarti sarà difficile perché la tua disposizione a recepire i messaggi sarà tutta in funzione di esso.

Per questa ragione, ho bisogno di chiederti ciò di cui verrai chiesto anche quando sarà il momento di mettere le mani in pasta; per un attimo stacca la spina da tutto ciò che ti circonda e ti attraversa e prova a concentrarti.

So che  non è un impresa semplice dimenticarsi dei problemi che nella vita vanno affrontati, e per questo non ti chiederò mai di scappare dal loro., ma so anche che staccare la spina ogni tanto ha conseguenze positive anche sul benessere psico-fisico. Non pretendo uno schiocco di dita consenta di riuscire in questa operazione ma provarci sarà già una  grande dimostrazione  di collaborazione.

QUANDO SI ACQUISISCE IL GIUSTO ATTEGGIAMENTO NEI CONFRONTI DELLA PREPARAZIONE DELLA PIZZA E SI SCOPRE L'ESSENZA DI QUESTA MATERIA NON SI HA PIÙ VOGLIA DI ESSERE LA PERSONA CHE SI ERA PRIMA. TUTTO INEVITABILMENTE CAMBIA PERCHÉ A CAMBIARE SIAMO NOI

Con la preparazione della pizza avrai subito modo di scoprire che più sarai capace di evolvere questo atteggiamento, più sarai capace di determinarne l’esito, che non significa che se all’inizio con quest’approccio sarai meno pratico non otterrai  già dei risultati, ma come presto scoprirai il risultato non è ciò di cui dovrai preoccuparti, perché come nella pagina successiva leggerai, esso è solo una conseguenza. .

La preparazione della pizza può cosi diventare anche un’attività terapeutica e visto lo sforzo che dovrai compiere per portare delle disconnesse materie prime a diventare l’ambiente ideale al che la natura possa fare il suo corso, anche una possibilità per fare attività fisica, il che ti farà sentire meno in colpa per tutta la pizza che mangerai.

E’ mio dovere però ricordarti che  se è vero che la pizza, a partire dal suo impasto, è un insieme fisico di materie prime ed infatti acqua, farina, lievito di birra e sale sono materia è anche vero che allo stesso tempo questi elementi presi singolarmente o nel loro insieme sono una collezione di legami, vibrazioni e quindi energia che si trasforma.

Lo stesso sei tu, un corpo fisico (materia) che allo stesso tempo è un riassunto di frequenze, vibrazioni ed energia e tra questi stati sono compresi i tuoi pensieri e come ti senti internamente, per cui in fase di preparazione dell’impasto oltre a trasferire ad esso energia fisica trasferirai anche i tuoi stati emotivi/vibrazionali e questo condizionerà l’esito della tua pizza. del quale, dopo aver unito le materie prime ad impasto, ti servirai per trasferire alla massa quell’ulteriore energia nella quantità e nella qualità che io ti aiuterò a capire guidandoti verso l’essenza della pizza. Ecco perché in fase di preparazione della pizza è importante staccare la spina o collegarla alla giusta presa.

Ecco un primo nesso tra la preparazione della pizza ed il tuo successo in questa attività e l’esercizio della crescita personale. Di riflesso l’evoluzione della tua crescita ti consentirà di affacciarti ad una pizza sempre più ambiziosa.

Se desideri arrivare all’essenza di questo argomento e scoprire come puoi servirti della pizza per aiutarti a crescere a livello personale e crescere a livello personale per aiutarti a migliorare nella pizza, ti invito a mantenere il posto a sedere, rimanere comodo, continuare a rilassati ed andare oltre.

 Paolo, IL TUO COACH PERSONALE NEL RAGGIUNGIMENTO DEL SUCCESSO NELLA PREPARAZIONE DELLA PIZZA

oppure

 

NEL RICEVIMENTO DELLA MAIL DI CONFERMA RICEVERAI ANCHE L’EBOOK “UN INCONTRO PREZIOSO: ANTICIPAZIONI.” 

Questo ebook è stato scritto e pubblicato nella prima versione “Anticipazioni” più di un anno fa. Presto arriverà anche una versione aggiornata alla  versione della persona in cui mi sono evoluto a testimonianza del fatto che per chi desidera c’è sempre spazio per un’ ulteriore crescita personale.

 Avrai modo di notarla con i tuoi stessi occhi. 

Ilaria

Porzio

Di settimana in settimana una pizza sempre piu gustosa…

Mi chiamo Ilaria e sono un’appassionata della guida di che cornicione creata dal signor Paolo.

Sono capitata per caso sulla pagina che cornicione e “per caso” ho seguito la guida per creare una pizza con farine commerciali utilizzando il forno domestico: risultato formidabile, da lacrime agli occhi ogni volta che la seguivo.

Di settimana in settimana ho avuto il privilegio di creare una pizza sempre piu gustosa sia al gusto che alla vista! Io e mio marito non smetteremo mai di ringraziare il signor Paolo per la condivisione della sua guida!

Questo ha permesso a ognuno che ne ha usufruito di mangiare una pizza a casa, nel forno domestico che raggiunge una temperatura massima di 250, simile a quella di una pizzeria da forno a legna.
Spero di migliorare sempre più e che la guida diventi sempre più dettagliatamente spettacolare!

Chi segue la guida del signor Paolo diventa una persona felice e rende felice chi gli sta intorno. Grazie ancora.

Ilaria

Mary

Dielle

Preparavo la pizza in casa con la ricetta di mia madre…

Allora…innanzitutto vorrei dirti grazie per avermi e averci permesso di migliorare e poter scoprire un mondo tutto nuovo che non conoscevo,un mondo che mi ha incuriosito e affascinato e che mi ha permesso di imparare tante cose nuove.

Prima di conoscere il metodo che cornicione, preparavo la pizza in casa con la ricetta di mia madre…(buona siii!!…) in teglia e con tanto…troppo lievito! ..così un sabato decisi di registrarmi al sito e di cimentarmi. Fu amore a prima vista!! 

..Mio marito e mio figlio mangiarono davvero di gusto e io non riuscivo a crederci avevo creato una pizza…come quelle delle pizzerie…!! A casa… e con un forno che arriva al massimo a 250°.

Da quella volta non l’ho più abbandonata…amici e parenti hanno voluto provare la mia pizza e ne son rimasti sazi e contenti! …Persino mia madre!!

…La soddisfazione più grande è vedere i miei progressi con gli impasti e vedere le mie pizze sempre più belle…e trasmettere tutto ciò a chi mi segue…

Vorrei dire a chi si appresta a preparare una pizza in casa di non accontentarsi,di cercare sempre di fare di più…perché è possibile…anche senza forno professionale, con pochi ingredienti…

Buona volontà e la passione sono la chiave!! …Saluti Paolo…da Mary

Annalisa

Papparella

La più grande soddisfazione di preparare una pizza professionale…

Prima di seguire il metodo Che Cornicione, quando dovevo preparare la pizza impastavo farina, acqua, lievito (ne usavo molto di più che adesso!) e sale e mettevo il tutto direttamente a lievitare per 3-4 ore, né staglio,né puntata,etc…nulla di tutto ciò! Una volta la massa lievitata, la stendevo, la condivo e la cuocevo nella parte media del forno. Non ero mai soddisfatta,la pizza era spesso biscottata,poco digeribile e con un forte sapore di lievito.

La più grande soddisfazione di preparare una pizza professionale per me è riuscire ad ottenere una deliziosa pizza a casa, sapendo di aver utilizzato un semplice forno casalingo e gli stessi ingredienti che usavo prima, che combinati tra loro rispettando un metodo e dei tempi completamente diversi, permettono un risultato di gran lunga migliore rispetto a quello precedente.

Vorrei dire a tutti gli amanti della pizza che vorrebbero prepararla a casa che tutti possiamo davvero arrivare ad ottenere un’ottima pizza “homemade” migliore di quella comprata. Basta solo aver pazienza e caparbietà e non arrendersi al primo tentativo, ma soprattutto seguendo le regole del metodo The Cornicione, adattandole ai propri prodotti,e non avendo fretta. E poi diventerà un piacere fare la pizza, al punto che non vedrete l’ora di farla e rifarla per migliorarvi e migliorare sempre di più la qualità della vostra pizza