fbpx

IL NESSO TRA UN CORRETTO ATTEGGIAMENTO ALLA PREPARAZIONE DELLA PIZZA E LA CRESCITA PERSONALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Caro utente,

Benvenuto nel blog Che CorniciOne.

In questo spazio l’unica cosa che conta sei TU ed il tuo obbiettivo, eccellere nella preparazione della pizza, ma senza un atteggiamento collaborativo con me, aiutarti resterà comunque un impresa impossibile,  perché la tua predisposizione a recepire i miei insegnamenti sarà tutta in funzione del tuo atteggiamento mentale.

Per questa ragione, ho bisogno di chiederti sin da subito, ciò di cui verrai chiesto anche quando sarà il momento di mettere le mani in pasta. A qualsiasi lettura ti affacci su questo spazio virtuale, per il tempo necessario, prova a staccare la spina da tutto ciò che ti circonda che non riguarda te personalmente e la tua voglia di migliorare. Provarci sarà già una grande dimostrazione di collaborazione ed un esercizio per quando poi sarà il momento di mettere le mani in pasta.

So che  non è un impresa semplice dimenticarsi dei problemi, che nella vita vanno affrontati, e per questo non ti sto chiedendo di scappare da loro, “‘sono troppo più veloci di noi’, ma so anche che smettere di inseguirli, staccando ogni tanto la spina, ha delle conseguenza benefiche sul benessere psico-fisico di una persona. Un corretto atteggiamento verso la preparazione della pizza aiuta anche a migliorare questo equilibro grazie alle soddisfazioni che se ne trae.

In altre parole, quando si assume un corretto atteggiamento la preparazione della pizza, quest’attività diventa terapeutica e quando ne comprenderai l’essenza, più che preparare la pizza per la voglia di mangiarla lo farai perché sarà un’attività che ti farà stare bene.

Inoltre visto lo sforzo artigiano che dovrai porre in essere per portare delle disconnesse materie prime a diventare un impasto finito – dove la natura al suo interno può fare il suo corso nel modo più armonico possibile – la preparazione della pizza è anche una possibilità per svolgere attività fisica. Il che ti aiuterà anche a sentirti meno in colpa per la pizza di cui ti nutrirai.

E’ mio dovere ricordarti che la pizza, a partire dal suo impasto, è un insieme fisico di materie prime – ed infatti acqua, farina, lievito di birra e sale sono materia – ma è anche vero che allo stesso tempo questi elementi presi singolarmente o nel loro insieme sono una collezione di legami, vibrazioni e quindi energia che si cumula e si trasforma. 

Ti ricordo che lo stesso sei tu, un corpo fatto di materia (tra l’altro  il 99% di essa è la stessa si cui è fatto l’impasto della pizza), ma anche un riassunto di frequenze, vibrazioni ed energia. A queste frequenze e vibrazioni contribuiscono anche i tuoi pensieri. 

Per questa ragione è mio dovere ricordarti un ulteriore cosa; oltre a cedere all’impasto l’energia fisica che possiedi, ad esso, tramite il movimento delle tue mani, trasferirai anche i tuoi stati emotivo/vibrazionali e questo avrà un enorme impatto sull’esito della tua pizza.

Proprio per questa ragione, quando sarai alle prese con la lavorazione degli impasti è importante che stacchi la spina, o quanto meno che la colleghi alla giusta presa. Questo farà tutta la differenza sull’esito della tua pizza, che se negativo contribuirà a caricarti di ulteriore energia vibrazionale negativa se positivo ti arricchirà di energia vibrazionale positiva.

Così il nesso tra la preparazione della pizza ed il benessere psico/fisico continua ed ad essere resa possibile è questo diventa ambiente fertile per una costante crescita personale, che richiede tanta stima di se stessi.

<<La pizza è l’estensione di chi la prepara.>> #checornicione

Paolo

Il Papozzo

Il Papozzo

The only limit is the sky

Lascia un commento